Exworks | Celebration
106
post-template-default,single,single-post,postid-106,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.7,vertical_menu_enabled,paspartu_enabled,menu-animation-line-through,side_area_uncovered,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Celebration

24 ottobre 2015

“…the body has its invariably public dimension; constituted as a social phenomenon…, my body is and is not mine. Given over from the start to the world of others, the body is only later, and with some uncertainty, that to which I lay claim as my own”.
Judith Butler, Undoing Gender

Celebration è un lavoro di Giorgia Nardin nato dall’incontro con la tattoo artist Olivia Jacquet, che racconta: “Mi sono abituata ad essere guardata dalle persone in modo strano, anche se loro veramente non vedono me, ma i miei tatuaggi. Spesso mi sento fuori contesto, sento di dovermi adattare alla situazione che mi circonda”.

 

Nel corso della performance, Olivia definisce lo spazio modificandone le superfici, lo adatta per creare un habitat che si apra ad accogliere la sua individualità. E’ uno spazio che Olivia si prende per modificare il contesto in base alle sue necessità e alla specificità del suo corpo.

IMG_7457

IMG_7440

IMG_7470

IMG_7502

IMG_7581

IMG_7592